Febbraio 21, 2024

Delicious fresh seafood on dark vintage background, selective focus

Prostata ingrossata: dieta e altri rimedi

Lipertrofia prostatica benigna, caratterizzata da prostata ingrossata, è una patologia che non può prescindere da una terapia stabilita dallo specialista. Tuttavia, una dieta sana abbinata ad altri rimedi e accorgimenti, possono aiutare ad alleviare alcuni sintomi della patologia.

Vediamo quindi gli alimenti sconsigliati in caso di prostata ingrossata, quelli consigliati e i rimedi che possono essere d’aiuto, previa approvazione del medico.

Prostata ingrossata: gli alimenti da evitare
Tra i fattori associati all’ingrossamento della prostata, secondo alcuni studi, rientrano:

l’aumento del giro vita;
un alto livello del colesterolo;
la pressione alta.
È facile quindi capire quanto sia importante prestare la giusta attenzione alla propria alimentazione quotidiana.

L’eccessiva assunzione di grassi saturi, presenti soprattutto negli alimenti di origine animale, oltre ad aumentare il rischio di malattie cardiache e di altre patologie, può contribuire anche all’ingrossamento della prostata.

Accanto a questi, è opportuno eliminare (o quantomeno limitare) i carboidrati raffinati e farine arricchite ai quali è consigliabile preferire cereali integrali ricchi di fibre.

L’ipertrofia prostatica benigna, inoltre, pare essere correlata anche al consumo di uova e pollame, mentre è ancora controversa la sua associazione al consumo di latte, formaggio e yogurt.

Sembra poi che anche gli zuccheri aggiunti possano contribuire all’insorgere delle patologie prostatiche. Bisognerebbe quindi cercare di eliminare dalla propria dieta gli elementi che ne contengono grandi quantità, come caramelle, torte, biscotti, gelati, marmellate e, in generale, prestare attenzione alle etichette dei cibi confezionati.

Alimenti consigliati in caso di ipertrofia prostatica benigna
Alcuni alimenti hanno una funzione anti infiammatoria anche sulla prostata e possono quindi aiutare ad alleviare i sintomi della prostata ingrossata (se assunti accanto ad un’adeguata terapia farmacologica prescritta da uno specialista).

La dieta in caso di prostata ingrossata prevede cibi ricchi di Omega3, come ad esempio:

pesce azzurro e crostacei;
olio extravergine di oliva;
carote, zucca, zucchine, cavolo e finocchio;
cicoria, rape, mele e pere, cotte e non zuccherate.
Altre proprietà di alimenti considerati “amici della prostata” sono:

licopene, contenuto in gran quantità nei pomodori;
polifenoli, di cui è ricco il tè verde;
isoflavoni, contenuti ad esempio nella soia;
resveratrolo, presente nell’uva;
micronutrienti come zinco e selenio, tutte sostanze con un’importante azione antiossidante utile a proteggere la prostata ma anche a prevenire i tumori in generale.